Come rinnovare la sala ristorante (Parte 2)

ristorante2

Rinnovare la sala ristorante è spesso una questione di stile che parte da una progettazione d’interni a cura dell’interior design con soluzioni d’arredo su misura chiavi in mano per ristoranti. Lo scopo è infatti quello di creare ambienti armoniosi in perfetta sintonia con lo stile, nel pieno e totale rispetto della politica di gestione del locale, senza mai nemmeno perdere di vista i vincoli imposti dallo spazio e dal budget a disposizione.

E’ possibile e consigliato puntare anche sulle produzioni artigianali, per ottenere uno stile unico e originale, con sensibilità e gusto.

Leggi anche Come rinnovare la sala ristorante (Parte 1)

Per rinnovare la sala ristorante vengono considerate varie tipologie di materiale: tessuti, legno, ferro, inox, zinco, ottone, rame, acciaio, corten, tessile, carte parati, wall covering, speciali rivestimenti che creano la giusta intensità ed il giusto contrasto tra gusto, sapore, tecnica ed emozione.

Le proposte da tenere conto sono anche quelle che riguardano la decorazione e l’illuminazione, altro aspetto fondamentale per i ristoranti, per creare la giusta armonia e anche la giusta confidenza con il cliente. Per questo è possibile giocare

con l’impatto visivo ed olfattivo, per far sì che il ristorante lasci la sua impronta indelebile che serve a sancire un stretto legame con il cliente.

Il progetto per la realizzazione di un ristorante prende vita anche dalla volontà di riaffermare il valore Made in Italy, quindi con la massima cura ad alcuni dettagli. Si può quindi pensare ad uno stile retrò, ma moderno nelle linee e raffinato, unendo il legno, utilizzato sia nella sua variante più scura ed elegante come pavimentazione che nelle tonalità calde e naturali per le lamelle in massello che sottolineano i banconi, a materiali “preziosi” quali i metalli. Si può optare anche per la variante ottone si ritrova con diverse lavorazioni, sui banconi, nei dettagli dei tavoli e dei lampadari fino ad essere utilizzato per l’ideazione di un espositore per i prodotti tipici e di eccellenza italiana. Si possono anche aggiungere elementi in finta pelle, per abbellire le sedute e dei piani dei banconi e dei tavoli.
Sicuramente, in tutto questo, non deve mai essere perso di vista il concetto del “rinnovamento”, in quanto rinnovare la sala ristorante non significa semplicemente rinfrescare le pareti ma concentrarsi sulle possibilità, come un vassoio pieno di prelibatezze, o oggetti di riciclo riportati a nuova vita, che non aspettano altro di essere ammirati dai clienti. Il tutto in una sorta di equilibrio rivolto soprattutto ai volumi ed alle percezioni. Si tratta di una rivisitazione di tutto ciò che è già è presente, integrando con decori, oggetti, colori nuovi, pezzi d’arte. Eleganza e stile sono infatti i due ingredienti che non possono mancare,  per stupire l’ospite. Anche integrare pezzi d’arte nell’arredo riqualifica l’ambiente, per arte intendiamo l’utilizzo di quadri, carta da parete, libri, oggetti antichi ridipinti e rivalorizzati, portare un po’ di vintage puntando sul riciclo per creare il nuovo senza abbandonare la sapiente tradizione all’italiana. E se invece di creare una storia, si vuole puntare tutto su uno stile moderno e ben definito, allora si può puntare per ottenere un connubio tra tecnologia e design, quindi forme geometriche, squadrate, colori in grado di creare il vero colpo ad “effetto di scena”!

Deposito Creativo
Deposito Creativo

Il “Deposito” è uno studio creativo con base a Forlì che opera su progetti di interior design e styling. Unisce la professionalità nel campo dell’interior design alla ricerca, ideazione e vendita di complementi di arredo, pezzi di recupero rivisitati e prodotti realizzati artigianalmente, riproducibili su misura.